Alta Moda come filo conduttore tra Palermo e Roma

Mentre mi trovo in quel di Vienna si sono concluse rispettivamente l’edizione estiva di AltaRoma e la presentazione palermitana di Alta Moda firmata Dolce & Gabbana.

Un inno alla creatività italiana e un’amorevole devozione nei confronti della tradizione: focus on Palermo, focus on Roma.  

Il mio amato, nostalgico, profondo sud ha brillato grazie alla sfilata di Alta gioielleria Donna a Palazzo Gangi, in piazza Croce dei Vespri e con l’Alta gioielleria Uomo a Palazzo Mazzarino, in via Maqueda 383. Il mio amato profondo sud si è fatto ammirare a livello globale, in tutto il suo splendore, durante la Sfilata donna Alta Moda in piazza Pretoria e durante la sfilata Alta Sartoria a Monreale, evento che ha coinvolto tutto il centro storico (Piazza Vittorio Emanuele, Piazza Guglielmo II, il Duomo, via degli Agonizzanti, il Palazzo Arcivescovile e il Chiostro dei Benedettini). Il mio amato profondo sud grazie a Dolce e Gabbana torna a ad avere gli occhi puntati piacevolmente addosso. Il mio amato profondo sud torna ad essere apprezzato e corteggiato, nonostante il suo essere indisciplinato e altezzoso ma la cui beltà sormonta i lati negativi.

Lo spettacolo d’alta moda Dolce e Gabbana è stato mostrato in diretta streaming così da offrire la possibilità di goderne tutti anche i non addetti ai lavori, perché la bellezza va condivisa, apprezzata e coscienziosamente criticata.

Occhi puntati inevitabilmente sul mio laptop mentre ero in Austria. Immaginavo d’esser lì, ne conoscevo gli odori e le sensazioni ed è come quando inaspettatamente ascolti un brano dal sapore retrò e devi trattenere le lacrime agli occhi ed è come quando il profumo dolciastro della cassata ti abbraccia passando accanto ad una pasticceria siciliana e sai che un morso ti farà male ai denti, sai che dopo il sapore ti sembrerà stucchevole: ma è inevitabile, devi farlo, la Sicilia è esclusività di sapori, colori, profumi e sensazioni.

Palermo, crogiolo di culture, come incipit per iniziare il viaggio suggestivo in questo luglio d’alta moda e Roma, città eterna, come explicit, meta finale del proscenio per giovani talenti.

“Nonostante i ridotti mezzi a disposizione e le difficoltà ed incertezze che hanno impattato pesantemente sulla gestione della Società nell’anno in corso” – dichiara la Presidente di Altaroma Silvia Venturini Fendi“siamo riusciti a realizzare entrambe le manifestazioni, di Gennaio e di Luglio, garantendo continuità alla missione di Altaroma a favore dei nuovi talenti della moda”.

Roma 08-07-2’017 Creative District – AltaRoma ©Jurek Kralkowski-fotofarm.it 14

Emblema di questo lodevole concetto è il progetto “Creative District” giunto quest’anno alla sua seconda edizione. L’evento, ideato da Antonio Falanga e Grazia Marino, prodotto dalla Together eventi comunicazione e organizzato dalla P&G Events, si è svolto sabato 8 luglio nello storico Chiostro dell’Angelicum Congress Centre, prestigiosa e storica struttura, situata nel cuore della Roma barocca, che per la prima volta ha aperto il suo giardino ad una presentazione d’Alta Moda. “Creative District” promuoverà, edizione dopo edizione, il legame profondo tra le radici e la contemporaneità, tra la ricerca e l’innovazione. Come è possibile leggere nel comunicato stampa ufficiale di “Creative District” l’Alta Moda sarà il filo conduttore delle varie collezioni che porranno al centro dell’attenzione i valori dell’alto artigianato, un trampolino di lancio per i creativi di talento che con la loro passione, dedizione e coraggio sono portatori di qualità e innovazione, offrendo contestualmente una rivisitazione contemporanea della couture. Cinque le “Maison” provenienti da varie regioni d’Italia protagoniste in passerella: Asia Neri by Irene Mattei, Raviolina by Rosella e Luigina Pandolfi, Gaia Caramazza Jewellery, Good Luck by Mirella Marsiglia e Gian Paolo Zuccarello.

Il movimento dell’acqua a ispirare Sabrina Persechino in questa collezione che e interpreta e descrive il fenomeno fisico della propagazione delle onde, traducendolo sugli abiti attraverso colori e forme.

Da Palermo a Roma, da Tokyo a Parigi la moda con le sue mille sfumature creative e organizzative si sforza di raggiungere l’apice del bello cercando di far emergere il senso poetico nella contemporaneità della nostra società, di trarre quello che Baudelaire potrebbe definire come l’eterno dal transitorio.

Annunci

Pubblicato da

Έτσι, δεν γνωρίζω ... "Io so di non sapere" ma grazie alle infinite risorse della Rete mi esercito ogni giorno per cercare di aggiungere un tassello in più al proscenio del mio scibile. In cosa sono laureata? Scienze filosofiche. Giornalista - Dalla raggiante Catania (Acicastello Informa) mi sono spostata a Roma dove lavoro come Account executive dell'azienda Lexmedia; sono web editor, fashion passionate e amante dei viaggi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...