Bellezza proteiforme femminile, cos’è?

Non sempre si ha la possibilità di partecipare a tutte le sfilate, guardarle in streaming sul divano ed in pigiama è un piccolo vezzo alla quale molti di noi si concedono.

Sentirsi parte di una dimensione onirica rimanendo ancorati a casa è sempre più abituale. Il dormeuse sicuramente non sarà il massimo per un after-party, ma almeno non si rimane indietro in fatto di tendenze. Parlarne però non essendo presenti lo trovo un po’ artefatto, i dettagli ti possono colpire ma a distanza non donano lo stesso risultato emozionale. Poter scivolare realmente dietro il backstage e annegare nei colori della prossima stagione è una sensazione che neanche le immagini in alta risoluzioni riescono ad offrirti.

Ricordo ancora l’infinita emozione della prima sfilata. Milano, marzo 2011, Versace Versus e una minuta Donatella Versace e un giovanissimo e talentuoso Christopher Kane che fanno capolino nel finale. Trionfo di Severity e sparkle.

Tutti si improvvisano esperti di satin duchesse, impunture in contrato e ruches: ma quanto, realmente, sono conoscitori dei materiali e dei percorsi costitutivi che stanno dietro la realizzazione di una sfilata? Si è sempre più “schiavi” del numero di visualizzazioni e di rigide tempistiche. Queste due clausole, nel proliferare del mondo blog, non staranno mica sfuggendo di mano a discapito della qualità e del viaggio verso la beltà?

La mia vuole essere una riflessione a voce alta.

 Il mio desiderio è quello di attenzionare per questa Milano Fashion Week, non una collezione piuttosto che un’altra, per quello ci sono già i giornali di settore, sicuramente molto più oculati e competenti di me e altre “milioni” di blogger, bensì porre l’accento su un nuovo modo di vedere la donna offerto dagli stilisti Stefano Gabbana e Domenico Dolce.

Il loro modo di osservare il mondo femminile è la chiave di lettura per abbracciare tutte le donne. I loro spot con donne mature e anziane, l’ avere come icona senza tempo la bellissima Monica Bellucci e portare in passerella una Bianca Balti al sesto mese di gravidanza sono la chiara dimostrazione di come la donna sia “unica”  in tutte le sue accezioni. Forma, età e colore diventano prerogative da valorizzare.

Oggi, la protagonista è la mamma.

Dolce & Gabbana per questa collezione hanno scelto i collage, i messaggi d’amore e i lavoretti infantili e li hanno convertiti abilmente nei temi di punta per il prossimo inverno, li hanno stampati o ricamati sugli abiti a trapezio dalle tinte leggere. Infatti, colori tenui per il giorno, mentre per la sera, propongono il sensuale nero.  La donna, seppur mamma, deve affascinare, non deve precludersi la dimensione fondamentale dell’amore per sé stessa.

Gli stilisti  Dolce &Gabbana, aprono ufficialmente la moda a varie tipologie di donne: è forse giunto il cambiamento che si aspettava da anni, dove si smette di svalorizzare le taglie che potremmo definire “normali”.

GDM - D&G
“Noi facciamo moda, ma la moda – spiegano Stefano e Domenico – passa in secondo piano: ci interessa lanciare un messaggio d’amore, perché in questo momento in cui tutto è così accentrato su se stessi la famiglia è quella cosa cui fai sempre ritorno”.

 

 

 

Annunci

Pubblicato da

Έτσι, δεν γνωρίζω ... "Io so di non sapere" ma grazie alle infinite risorse della Rete mi esercito ogni giorno per cercare di aggiungere un tassello in più al proscenio del mio scibile. In cosa sono laureata? Scienze filosofiche. Giornalista - Dalla raggiante Catania (Acicastello Informa) mi sono spostata a Roma dove lavoro come Account executive dell'azienda Lexmedia; sono web editor, fashion passionate e amante dei viaggi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...